La #streetradio di Milano, clicca per il video dalla vetrina

GRAMMYs, ecco i vincitori!

Sam Smith: è lui che questa notte a Los Angeles ha sbaragliato la concorrenza portandosi a casa praticamente quattro tra i premi più importanti previsti dalla “music’s biggest night”, cioè quelli come “Best New Artist”, “Best pop vocal album”, “Record of the year”, “Song of the year”. Nonostante fosse considerato tra i favoriti, in pochi si sarebbero aspettati in tale risultato da questo londinese del 1992, che zitto zitto ha bruciato sul traguardo colleghi come Ed Sheeran – che, in platea, a fine serata, non aveva un’espressione delle più rilassate, Sia, Meghan Trainor e pure la gloria locale Taylor Swift, che giocando in casa pareva non avere rivali; è presto per dire se siamo di fronte ad un’altra “british invasion”, ma il fatto che gli americani, notoriamente protettivi e abbastanza sbilanciati verso la “loro” musica, abbiano celebrato un inglese, potrebbe essere un primo indizio.

http---www.rockol.it-img-foto-upload-samsmithgrammy2015

Altra stranezza dei Grammy Awards 2015 è Beck, che batte calibri come Beyoncé, Ed Sheeran e Pharrell Williams vincendo – con “Morning phase” – il titolo nella categoria “Album of the year”, e U2, Black Keys e Ryan Adams nella categoria “Best rock album”.

Come già anticipato, ci sono state grandi esibizioni da parte di grandi artisti: gran finale gospel di “Glory” con Beyoncé, Legend e Common, poi AC/DC, Annie Lennox e Paul Mccartney assieme ai suoi nuovi soci Rihanna e Kanye West; speriamo che tutti gli spettatori lo abbiano riconosciuto e non abbiano fatto come loro. Un Ed Sheeran col muso è stato comunque bravo, coraggiosa anche Katy Perry, che per una volta ha abbandonato le scenografie sontuose per lasciare che fosse un messaggio (nobile, come la sensibilizzazione sulla piaga della violenza domestica) ad occupare il centro della scena; per il resto Madonna replica il video di “Living for love” sul palco venendo introdotta dalle giovani Miley Cyrus e Nicki Minaj, che la chiamano “nonna”, speriamo con tutto il rispetto.

Non è mancato un particolare siparietto “hot” tra Katy Perry e Miley Cyrus:mgid-uma-image-mtv

463021222-1423446935 463022246-1423446789

Ecco, di seguito, l’elenco dei vincitori nelle categorie maggiori dei Grammy Awards 2015:

Song of the Year: Sam Smith – “Stay With Me (Darkchild Version)”
Record Of The Year: Sam Smith — “Stay With Me”
Album Of The Year: Beck — “Morning Phase”
Best New Artist: Sam Smith
Best Pop Solo Performance: Pharrell Williams — “Happy”
Best Pop Vocal Album: Sam Smith — “In The Lonely Hour”
Best Rock Album: Beck — “Morning Phase”
Best R&B Performance: Beyoncé ft. Jay Z — “Drunk In Love”
Best Country Album: Miranda Lambert — “Platinum”
Best Pop Duo/Group Performance: A Great Big World con Christina Aguilera, “Say Something”
Best Traditional Pop Vocal Album: Tony Bennett & Lady Gaga – “Cheek To Cheek”
Best Rock Performance: Jack White – “Lazaretto”
Best Rock Song: Paramore – “Ain’t It Fun”
Best Alternative Rock Album: St. Vincent – “St. Vincent”
Best Metal Performance: Tenacious D – “The Last In Line”
Best Rap Performance: Kendrick Lamar – “I”
Best Rap/Sung Collaboration: Eminem con Rihanna – “The Monster”
Best Rap Song: Kendrick Lamar – “I”
Best Rap Album: Eminem – “The Marshall Mathers LP2”
Best R&B Song: Beyoncé con Jay Z – “Drunk In Love”
Best Urban Contemporary Album: Pharrell Williams – “Girl”
Best Dance/Electronic Album: Aphex Twin – “Syro”
Best Dance Recording: Clean Bandit con Jess Glynne – “Rather Be”
Best Country Album: Miranda Lambert – Platinum
Best Country Solo Performance: Carrie Underwood – “Something In The Water”
Best Country Song: “I’m Not Gonna Miss You” – Glen Campbell & Julian Raymond
Best American Roots Performance: Rosanne Cash – “A Feather’s Not A Bird”
Best American Roots Song: Rosanne Cash – “A Feather’s Not A Bird”
Best Americana Album: Rosanne Cash – The River & The Thread
Best Music Video: Pharrell Williams – “Happy”
Best Engineered Album, Non-Classical: Beck – “Morning Phase”
Best Remixed Recording, Non-Classical: John Legend – “All Of Me (Tiesto’s Birthday Treatment Remix)”
Best Surround Sound Album: Beyoncé – “Beyoncé”
Best Reggae Album: Ziggy Marley – “Fly Rasta”
Best World Music Album: Angelique Kidjo – “Eve”
Best Blues Album: Johnny Winter – “Step Back”
Best Comedy Album: “Weird Al” Yankovic – “Mandatory Fun”

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.