La #streetradio di Milano, clicca per il video dalla vetrina

Kurt Cobain “Montage of Heck” esce il primo documentario autorizzato (trailer)

d494f02b272d23b255dbf87d853d87ccefdc67a6

Kurt Cobain “Montage of Heck” esce il primo documentario autorizzato (trailer)

“Montage of Heck” debutterà in Italia il 21 marzo al Bari Film Festival. Il film verrà proiettato solo in alcuni cinema italiani il 28 e 29 aprile.

Incredibile, stupefacente, inarrivabile, il racconto definitivo sulla vita di Kurt Cobain: gli aggettivi e i commenti positivi si sprecano. Il film diretto da Brett Morgen ha debuttato il 21 marzo al Bari Film Festival e sarà nei nostri cinema il 28 e il 29 aprile, distribuito da Universal. Ecco la lista delle sale che lo proietteranno. La rete americana HBO lo trasmetterà invece dal prossimo 4 maggio.

Schermata-2015-03-12-alle-10.20.19Video e documenti esclusivi, ma soprattutto un brano inedito di Kurt Cobain che a detta del regista, è “allucinante” e completamente acustico. Nessuno avrebbe pensato che ci sarebbe stato altro da dire sulla vita e sull’opera del leader dei Nirvana, ma dopo aver visto Kurt Cobain: Montage of Heck si inizia a capire che, in realtà, non lo conoscevi affatto. Il film presenta la storia di Kurt Cobain con le sue stesse parole, in un modo così diretto che l’aggettivo “candido”, per chi lo guarderà, avrà un significato tutto nuovo. Il video è in assoluto il primo autorizzato dalla famiglia: è stato infatti prodotto da Francis Bean, la figlia 22enne di Kurt, insieme a Courtney Love. «Ho tutte queste cose di Kurt e ho visto cosa sei stato capace di fare con The Kid Stays in the Picture (2002, film sulla vita del produttore hollywoodiano Robert Evans, ndr). Saresti interessato a fare una cosa del genere su Kurt?» dice la Love a Brett Morgen, il resto lo vedremo nelle sale.

Il materiale non mancava, ma il leader dei Nirvana non eccelleva nelle interviste video, non erano il suo – a parte la storica intervista con David Fricke di Rolling Stoneusata come spina dorsale del film perché Kurt aveva un incredibile rispetto per lui.

Secondo il regista, Kurt Cobain voleva una famiglia, più che diventare una rock star: “Kurt ha lasciato tantissimo materiale che da solo bastava a spiegare la sua vita. Era così chiaro e forte il modo in cui esprimeva i suoi sentimenti che non c’era bisogno di altre parole”

E allora parleranno le immagini, nell’attesa ci accontentiamo del trailer

https://www.youtube.com/watch?v=4WK-qhyn_Ug

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.