La #streetradio di Milano, clicca per il video dalla vetrina

Webradio, lo streaming nelle auto è un grosso business, chi vincerà?

11268913_810630185638676_7723094178640452032_n

Webradio, lo streaming nelle auto è un grosso business, chi vincerà?

Al salone dell’automobile di New York, in aprile, si è discusso molto di questo tema e ci sono stati molti annunci e dimostrazioni di futuri accordi e tecnologie. L’americana AT & T ha aggiunto Volvo tra le case automobilistiche che usufruiranno della sua connettività, la Pioneer ha stretto un legame con Apple per Apple CarPlay e Jaguar ha abbracciato l’interfaccia di Bosh per poter collegare iPhone e gli smartphone Andoid al sistema di navigazione (che ovviamente include anche la radio, che si trasforma in Webradio).

“Se si parla del mercato dei giovanissimi, la connettività è estremamente importante; secondo le nostre indagini di mercato, è il requisito n.1 nella scelta dell’auto da acquistare” ha dichiarato Scott Keogh, presidente di Audi America, durante la presentazione della nuova A3 sportback equipaggiata con sistema di connettività AT & T, che trasforma l’auto in un hot spot wi-fi con connessione 4G LTE capace di connettersi e far ascoltare migliaia e migliaia di Webradio.

Secondo una ricerca della Gartner, compagnia IT americana, 2015-03-18 00.55.22nei prossimi 5 anni il 70-80% dei veicoli sara equipaggiato da servizi di connettività wireless ad alta velocità, cosa che rivoluzionerà il mercato della radio e della Webradio. Come per la guerra degli smartphone, gli stessi competitors (Google, Apple, Microsoft e BlackBerry) lotteranno per la supremazia nelle auto.

Alcune case automobilistiche, come General Motors, offriranno un sistema audio e wireless integrato con addirittura un App Shop, mentre altre si dirigono verso sistemi esterni che consentiranno di connettere il proprio smartphone al sistema audio, utilizzando tecnologie come MirrorLink e Apple CarPlay.
race-1“Le persone vogliono Pandora nella propria auto, o TuneIn, e non gli interessa se devono collegarsi dal telefono o dal navigatore dell’auto, vogliono semplicemente le loro Webradio preferite in macchina”, ci dice Frank Gillet, analista di Forrester Research. “La realtà è che i produttori di automobili devono produrre veicoli in grado di integrarsi con i cellulari di nuova generazione e i loro utilizzatori; passeranno cinque anni durante i quali le case impareranno le stesse cose che le aziende di telecumunicazioni hanno imparato con l’evolversi del cellulare in smartphone, ma il futuro è questo.

Pubblicità

Il tuo logo qui! Pubblicizza la tua attività su SMradio durante le  partite dei Lions IFL2015 e raggiungi migliaia di persone!  Scrivi a lucagiosetti@silvermusicradio.it

 

Il futuro, certo: tutto questo in America e Australia-Nuova Zelanda, paesi avanti anni luce non tanto dal punto di vista tecnologico, quanto da quello della mentalità. Cosa accadrà in Europa? E cosa accadrà qui in Italia soprattutto, dove arriviamo sempre dopo, dove più del 30% (TRENTAPERCENTO, si..) della popolazione non ha mai effettuato una connessione al web?

Le Webradio prosperano anche qui, ma per ora portano 2014-05-12 09.20.58avanti una lotta contro i mulini a vento, non essendo ancora considerate delle “vere radio” solo perchè non passano in FM. SMradio c’è e c’è da più di due anni, la rivoluzione è in atto, arriverà prima o poi e noi saremo pronti per voi, che già ci seguite, sperando di potervi fare compagnia in qualsiasi momento della giornata e ogni volta lo vogliate, con le nostre app è già possibile, #easylikeaclick

Fonte: Billboard.com

visita nuovo sito  2015-05-05 21.30.59 app amazon android - dettaglio42015-04-06 19.02.55

 

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.