La #streetradio di Milano, clicca per il video dalla vetrina

Trentenni, dopo gli “enta” si smette di ascoltare musica nuova?

musica-ascolti-trentenni-curiosita-pop-invecchiare

 

Trentenni, dopo gli “enta” si smette di ascoltare musica nuova?

Ajay Kalia della società di consulenza The Echo Nest ha fatto una ricerca sugli utenti americani di Spotify con l’obiettivo di capire come si evolvono i gusti musicali rispetto all’avanzare dell’età. È giunto alla conclusione che, dopo i 33 anni, l’ascoltatore smette di ricercare nuova musica, o quantomeno smette di appassionarsi per la musica che va forte in quel momento.

Secondo il suo studio tra i teenager prevale l’ascolto di musica pop e, più in generale, mainstream. Nella fascia tra i venti ed i trenta questo tipo di musica va man mano a ridursi perché il gusto musicale inizia a maturare portando l’appassionato a scegliere in maniera più selettiva cosa ascoltare; dopo i trenta ci si allontana drasticamente dal pop. Il motivo per cui questo accade è, in realtà, abbastanza semplice: il trentenne inizia a non ritrovarsi più nei generi passati in radio e spesso si ritrova a voler ascoltare la musica che era più popolare quando era adolescente.

È interessante come questa evoluzione cambi tra donne e uomini: per le prime la perdita di interesse verso la musica più popolare è molto più graduale, in media un’ascoltatrice rimane curiosa di scoprire musica nuova fino ai cinquant’anni; per il maschi, al contrario, c’è una caduta di interesse piuttosto immediata appena superati i trenta. Se poi si diventa genitori, il processo di allontanamento dal pop è ancora più rapido. Se vi interessa l’argomento, Trentenni e non, qui trovate l’intero studio.

Fonte: Rockit

Trentenni, sarà forse perché il nostro sia un nuovo Medioevo culturale.? Tra scrolling di immagini su Instagram e messaggi vocali su Whatsapp, non ci sarebbe da stupirsi se fra qualche anno non saremo più in grado di leggere e scrivere.

Pare infatti che le hit musicali dell’ultimo decennio abbiano testi da terza elementare: il country è il genere con più ricchezza lessicale e i Nickelback hanno i testi più lunghi e sofisticati della categoria rock. Ora abbiamo un buon motivo per preoccuparci, ma di questo vi parleremo presto in un nuovo articolo. #staytuned

Pubblicità

Il tuo logo qui! Pubblicizza la tua attività su SMradio e raggiungi migliaia di persone!  Scrivi a lucagiosetti@silvermusicradio.it

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.