Hostaria C’era Una Volta Un Re

Caldo e animali, come tenere freschi i nostri amici cani e gatti

cane gatto

Caldo e animali, come tenere freschi i nostri amici cani e gatti

Un gatto che in estate prende troppo caldo può soffrire di disidratazione, respiro debole e rischiare perfino un colpo di calore. Tenerlo al fresco è importante per assicurargli un’estate sicura e felice, soprattutto se arriva un’ondata di caldo.

  1. Mantieni il gatto calmo. Un gatto che corre troppo in giro durante una giornata veramente calda o durante un’ondata di calore sarà presto esausto e disidratato. Incoraggialo a calmarsi dandogli accesso a un luogo che sia al coperto, fresco e oscurato (vedi il prossimo passaggio). Non cominciare a giocare quando è agitato; potrebbe essere necessario sedersi con lui per un po’ di tempo, per aiutarlo a calmarsi.
  2. Crea la “tana perfetta”. È un posto dove il gatto può ritirarsi e sentirsi rilassato e al sicuro. È facile da ricreare – metti una scatola di cartone sul fianco e appoggiala da qualche parte tranquilla e dove non dia fastidio come in un armadio, dietro una sedia o vicino a un posto fresco in casa. Foderala con un telo di spugna o di altro materiale come il cotone, una fibra naturale traspirante che non sia troppo calda. Infila un pacchetto di ghiaccio in una calza e mettila sotto il telo di spugna per un effetto refrigerante aggiuntivo.
    • Un’altra buona idea è quella di mettere asciugamani o lenzuola sui posti in cui il gatto ama sedersi di solito, per creare una barriera fresca fra la loro pelliccia e le superfici normalmente più calde.
    • Una borsa dell’acqua calda si può anche riempire di acqua molto fredda e lasciarla in giro in modo che il gatto ci si sdrai.
  3. Assicurati che il tuo giardino abbia dei posti all’ombra in modo che il tuo gatto se li goda. Li troverà subito, se glieli fornisci. Se le tue piante sono ancora troppo giovani per fare ombra, o non hai un giardino, creala tu stesso piazzando un telo in un posto comodo, sotto il quale il gatto possa stare; scegli un posto ventilato. L’acqua dovrebbe essere sempre facilmente accessibile e disponibile, all’aperto come in casa.
    • Se hai un gatto che sta all’aperto, controlla scrupolosamente gli edifici esterni e le serre prima di chiudere le porte. Se per sbaglio chiudi il gatto all’interno, l’edificio potrebbe surriscaldarsi, se è un capanno o un’altra costruzione non isolata o ventilata, e potrebbe essergli fatale.gatto-estateS
  4. Lascia che il gatto scelga da sé un posto fresco. I gatti sempre sono bravi quando si tratta di stare comodi, incluso quando fa caldo. Ai gatti piace raggomitolarsi nella vasca da bagno o nel lavandino perché la porcellana resta fresca anche quando fuori fa caldo. Preferiranno anche le parti piastrellate della casa, come il bagno, la lavanderia e la cucina. Alcuni troveranno anche il freezer e ci si butteranno sopra. Non lo sgridare per aver scelto il posto più fresco della casa – ritieniti fortunato del fatto che sta abbia preso l’iniziativa per rinfrescarsi da sé.
  5. Fai raffreddare il tuo gatto usando una soluzione di acqua e alcool denaturato. Spruzzane un po’ nelle orecchie e nei cuscinetti delle zampe per un rimedio rapido in caso di giornate particolarmente calde. Altrimenti, bagnalo in alcuni punti con degli asciugamani bagnati. L’azione dell’evaporazione indiretta rinfrescherà il sangue che circola nelle orecchie riducendo la temperatura generale del suo corpo.

    • Quasi tutti i gatti non amano bagnarsi, ma puoi aiutarli almeno a raffreddare un po’ la pelliccia con degli asciugamani bagnati. Bagna semplicemente un asciugamano o un tovagliolo di carta e usalo per accarezzare gentilmente il gatto dalla testa alla coda. Fallo un paio di volte al giorno se fa veramente caldo.
    • I punti in cui i gatti si scaldano di più sono la pancia, i cuscinetti delle zampe, le ascelle, sotto il mento e sulla parte esterna delle orecchie. Concentrati sul tenere fresche queste parti.
    • Un altro modo di usare un piccolo asciugamano da cucina è di inzupparlo d’acqua e poi metterlo in freezer. Quando sarà abbastanza freddo, mettilo sul pavimento della cucina o del bagno in modo che il gatto ci si sdrai sopra. Se è troppo freddo per lui, lascialo a terra, si scalderà abbastanza col tempo. Non obbligare il gatto a usarlo – faglielo semplicemente vedere e sarà lui stesso a decidere se gli piace o meno.
  6. Spazzola il gatto tutti i giorni. Il pelo infeltrito intrappola il caldo; accertarsi che il pelo non lo sia infeltrito e che permetta all’aria di passarci liberamente ti aiuterà a mantenere il gatto fresco. Questo è particolarmente importante per le razze a pelo lungo.
    • Evita di rasare il gatto a zero, lo esporrebbe al sole e potrebbe causargli scottature e rischi di cancro alla pelle.
  7. Usa i tuoi soliti metodi per rinfrescarti per mantenere fresco anche il tuo gatto. Se hai l’aria condizionata o dei ventilatori, tenere il gatto in casa sarà un modo per essere sicuro che ne tragga beneficio anche lui. Molte delle cose che di solito fai per tenere la casa fresca per te fanno bene anche a lui, come tenere chiuse tende, imposte e la maggior parte delle porte. Assicurati solo di lasciargli l’opzione di uscire se ha troppo freddo, in modo che possa andare in una stanza più calda quando ha voglia — a volte aria condizionata e ventilatori possono rendere le cose troppo fredde e irritanti dopo un po’, per un gatto. Accertati che il tuo gatto sia veramente dentro e non bloccato fuori al caldo se non hai una porta apposita per gatti.

    • Si raccomanda di tenere il gatto in casa durante le ore più calde dei giorni estivi, tra le 10 del mattino e le 3 del pomeriggio (o le 11 am e le 4 pm in altri posti).
  8. Fornisci l’accesso costante a una fonte sufficiente di acqua per l’idratazione.La disidratazione è un rischio reale per i gatti durante il caldo estivo, quindi è essenziale che abbiano continuo accesso all’acqua. Riempi la sua ciotola e controlla che sia sempre piena quando fa caldo (di fatto, il gatto dovrebbe aver accesso ad acqua fresca e pulita tutti i giorni dell’anno)
    • Potresti provare ad aggiungere dei cubetti di ghiaccio a un’altra ciotola d’acqua. Non tutti i gatti lo apprezzeranno, ma vale la pena provarci, e se gli piace, avrà accesso a dell’acqua veramente fresca. In ogni caso, non fare di questa l’unica fonte di acqua; se per lui è troppo fredda, si disidraterà evitandola. Potresti essere in grado di incoraggiarlo a leccare o bere dai cubetti di ghiaccio se li insaporisci con il pollo o con del concentrato di manzo.
  9. Crea dei giochi al fresco. Anche con il caldo è possibile trovare una maniera di rinfrescarsi giocando. Un gioco veramente divertente è lanciare due cubetti di ghiaccio davanti al gatto. Guardalo giocare mentre li fa andare in giro e li insegue. Accertati di farlo in un ambiente chiuso e al fresco.
  10. Evita le condizioni che potrebbero portare a un colpo di calore. I gatti ne sono molto soggetti quando il caldo è eccessivo, dal momento che hanno un corpo leggero con una superficie relativamente ampia. Il colpo di calore è una febbre causata dal mal funzionamento del normale sistema di regolazione della temperatura corporea dovuto al fatto di trovarsi a temperature eccessivamente alte. La causa più comune del colpo di calore è l’essere lasciati in un ambiente caldo e scarsamente ventilato… solitamente una stanza calda o la macchina. Non lasciare un gatto in macchina durante l’estate senza ventilazione e sotto il sole, e non lasciare mai un gatto da solo in macchina. Per lunghi viaggi in macchina (se ti trasferisci, ecc.) lascia l’aria condizionata accesa, o i finestrini aperti, per avere ventilazione mentre viaggi, e non coprire il suo trasportino in nessun modo che possa impedire il passaggio dell’aria attraverso i fori. È una buona idea mettere del ghiaccio avvolto in una calza o salvietta all’interno del trasportino per aiutare a tenere il gatto al fresco. Se ti devi fare una breve sosta, parcheggia all’ombra, tira giù i finestrini completamente e non lasciare il gatto incustodito. Se devi fare un rapido stop per andare in bagno o per riposarti, metti il trasportino sotto un albero, sull’erba e chiedi a tutti di dargli un’occhiata, e dell’acqua.
    • I sintomi del colpo di calore in gatto includono agitazione, estrema angoscia, lo stiracchiarsi e ansimare pesantemente, pelle calda al tocco, vomito, occhi lucidi, sbavare e barcollare. Se non si interviene, il gatto andrà in coma e morirà. Se noti uno qualunque di questi segnali, vai subito dal veterinario.
    • Se devi curare il gatto prima di andare dal veterinario, agisci in fretta:
      • Se è leggermente affetto, portalo in un ambiente interno fresco con una costante corrente d’aria fresca, e mantienilo calmo.
      • Se è affetto seriamente, usa un nebulizzatore montato sulla canna dell’acqua o uno spruzzino, oppure versagli addosso, con cura, delle ciotole d’acqua. Avvolgilo con degli asciugamani bagnati lasciando fuori naso e bocca e, continuando ad aggiungere acqua o pacchetti di ghiaccio, portalo dal veterinario. La testa , in particolare, deve essere tenuta fredda e bagnata perché i colpi di calore possono cuocere il cervello e causare la morte cerebrale. In ogni caso, non immergere il gatto nell’acqua fredda.
      • Dagli dei piccoli sorsi d’acqua solo una volta che il gatto è cosciente e si è raffreddato; non dare mai liquidi a un animale svenuto.

Pubblicità

Il tuo logo qui! Pubblicizza la tua attività su SMradio e raggiungi migliaia di persone!  Scrivi a lucagiosetti@silvermusicradio.it

 

 

Ambiente ventilato, acqua fresca, alimentazione leggera, no alla tosatura pelo, no alle uscite nelle ore calde. Queste le regole da seguire per evitare di correre dal veterinario durante l’estate, per un colpo di calore o un’ustione del proprio cane.

Lo spiega il veterinario, che ricorda come anche i cani debbano essere protetti dal calore estivo. Sono infatti circa 4 quelli che ogni settimana vengono portati dal veterinario per un colpo di sole.

“Il colpi di calore sono all’ordine del giorno perché i cani non sudano con il corpo ma con la lingua e con i polpastrelli, diffondendo meno calore. A differenza del cavallo – precisa – che invece suda con il corpo e riesce a rilasciare calore. È quindi necessario bagnare frequentemente alcuni punti specifici dell’animale come le ascelle, la pancia, il collo e l’interno coscia per regalargli freschezza al corpo. Fondamentale è non cambiare la temperatura in modo repentino, ad esempio passare uid_13118fc004bdal freddo dell’aria condizionata al caldo dell’ambiente esterno, perché tutti gli esseri viventi ‘eterotermi’ adeguano la temperatura del loro corpo a quella esterna. Un altro punto importante è la tosatura del cane, che non deve essere pensato come un bene per l’animale. Infatti la maggior parte delle volte si rischia di ustionare la pelle del cane. Lo stesso vale per la ‘frangetta’ che protegge dai raggi del sole, evitando congiuntiviti solari”.

Un’altra buona regola da seguire è quella di non far camminare i cani sull’asfalto o sulla spiaggia ardente. “È deleterio per le articolazioni”, spiega l’esperto. “È perciò bene passeggiare – aggiunge – nelle zone d’ombra”. Per proteggere la salute di ‘Fido’ sotto il sole, dunque, il vetrerinario raccomanda di: “Evitare un’alimentazione ipercalorica; avere l’acqua sempre a disposizione e sempre fresca; non fare le passeggiate nelle ore più calde; far soggiornare il cane in ambienti freschi, ma non con aria condizionata”.

L’esperto suggerisce di “tenere i finestrini aperti della macchina e tenere sotto controllo le strane manifestazioni dei cani che a volte, con lo stress del caldo, potrebbero essere nervosi”.

Infine, se il vostro amico appoggia la testa contro il muro, correte dal veterinario, non solo per il caldo.

 cane muro
Un sintomo che può sembrare banale e innocuo, ma che in realtà potrebbe salvare la vita al vostro cane o gatto, se individuato. Si tratta di appoggiare la testa contro il muro. Se il vostro animale appoggia la testa conto il muro senza muoversi, correte dal veterinario.

E’ l’appello per i proprietari lanciato su Facebook da Steunpunt voor Dieren, un’associazione olandese per la protezione animali. Ma perché? La spiegazione è particolarmente allarmante. A quanto pare un cane o un gatto che spinge la testa contro un muro (o altro) senza alcun motivo apparente (come giocare o graffiare) potrebbe essere affetto da lesione cerebrale, avvelenamento, tumore, infezioni o molte altre malattie.

gatto muroQuesto comportamento potrebbe sembrare banale, divertente e persino simpatico e spesso ci si rende conto troppo tardi che potrebbe essere qualcosa di grave. Indicherebbe, infatti, un sintomo neurologico che
va indagato e che può avere diverse cause. Si chiama Head pressing (atto compulsivo che consiste nel premere la testa contro un muro o un oggetto senza alcun motivo apparente).
caldo caldo caldo caldo caldo caldo caldo

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.