Vinili, le vendite generano più guadagno di Spotify e youtube messi assieme

vinili-2015Vinili, le vendite generano più guadagno di Spotify e youtube messi assieme

Le vendite del vinile sono in continua ascesa, ma negli ultimi giorni è emerso un nuovo report che conferma il trend e, in più, fa pensare che questo tipo di supporto potrebbe realmente diventare una delle prime fonti di guadagno per una band.

L’ultima ricerca pubblicata a fine settembre dalla RIIA (Recording Industry of America) ha attestato che le vendite di vinili in America nei primi sei mesi del 2015 hanno toccato i 221.8 milioni di dollari. Si tratta di una crescita del 52.1% rispetto all’anno scorso. Il dato supera di gran lunga i guadagni ottenuti dalle royalties derivanti da canali video comeYouTube, VEVO, da player come SoundCloud e da piattaforme di streaming come Spotify, che permettono l’ascolto di musica gratuitamente ma inserendo la pubblicità tra un brano e l’altro. Tutti questi servizi insieme hanno raccolto solo 162.7 milioni.

Si calcola che nella prima metà dell’anno siano stati venduti più di 9 milioni di dischi, di cui 400.000 tra 45 giri ed ep 10 pollici. Un’ottima notizia per i fan di questo formato.

Pubblicità

Il tuo logo qui! Pubblicizza la tua attività su SMradio e raggiungi migliaia di persone! Contattaci!!!

 

 

Vinili che, tra l’altro, negli stati uniti vengono conservate nelle cassette del latte, soluzione decisamente comoda ma illegale: sono colorate, leggere, della misura perfetta per i dischi e gratis ma, appunto, il loro utilizzo è illegale, almeno in America. Esatto, riciclare le cassette del latte è un reato perseguito penalmente, addirittura con la galera. I contenitori tanto amati dai collezionisti di vinili appartengono, infatti, alle compagnie di distribuzione deputate e impossessarsene senza autorizzazione equivale a un vero e proprio furto.

Sulle cassette del latte della Pennsylvania campeggia perentorio questo avvertimento: “L’uso non autorizzato delle casse per il latte è illegale. La pena prevista è di 300 dollari o fino a 90 giorni di prigione – Pennsylvania Law Act No. 37 1987“. Gran parte delle cassette trafugate in giro per gli States finisce nella mani di delinquenti veri, interessati a rivendere la plastica in quanto tale, ma una piccola parte della refurtiva finisce nei salotti e nelle camere degli amanti del vinile, diventati inconsapevolmente malfattori ricercati.

La International Dairy Foods Association si occupa di sensibilizzare la popolazione verso il rispetto della legge sull’uso delle cassette del latte e rende noti alcuni dati: ogni anno vengono smarrite circa 20 milioni di casse, ognuna del valore di 4 dollari ciascuna, per una perdita complessiva di 80 milioni di dollari. Per questo molte aziende hanno pensato di produrre cassette di dimensioni diverse, di modo che non siano più perfette per custodire i vinili.
Se però non volete rinunciarvi esiste una soluzione: ci sono decine di siti internet sul quale potete acquistare cassette prodotte appositamente per l’uso personale, magari realizzate con materiali riciclabili e sostenibili.

Fonte: rock.it