La #streetradio di Milano, clicca per il video dalla vetrina

Adele potrebbe salvare il music business col suo nuovo album

Adele potrebbe salvare il music business col suo nuovo albumAdele potrebbe salvare il music business col suo nuovo album

Da quando lo scorso album di Adele 21 ha venduto oltre 11 milioni di copie, la superstar britannica non ha praticamente fatto nulla – ha cancellato un tour negli Stati Uniti per un problema vocale, ha evitato Twitter, Facebook e Instagram, non ha rilasciato interviste per tre anni e ha passato molto tempo a casa per crescere suo figlio, oltre che mettersi a dieta. Ma nonostante questo i rivenditori dicono che il suo prossimo album 25 potrebbe raggiungere un milione di copie vendute nella prima settimana di uscita, diventando il primo album a raggiungere questa quota da 1989 della molto più impegnata Taylor Swift (uscito circa un anno fa e arrivato a 1,3 milioni). «Adele ha un range molto più largo e demograficamente vario di Taylor», ha detto Ish Cuebas, vice presidente per il music merchandising della catena FYE. «Spazia molto. Non scommetterei mai contro di lei».

adele4_jpg_1361835781Le previsioni di vendita di Billboard sono tra gli 1,3 e 1,8 milioni, e Cuebas suggerisce che potrebbe infrangere la barriera dei 2 milioni, qualcosa che nessuno ha mai fatto nella zoppicante industria musicale dal record degli ‘NSync del 2000 con No Strings Attached. Il suo primo singolo, Hello, uscito il 22 di ottobre, ha raggiunto il record di 1,1 milioni di download, arrivando oltre 230 milioni di views su Youtube e oltre 80 milioni di riproduzioni su Spotify.

«Non penso ci siano dubbi che questa uscita sarà davvero grandiosa», dice Carl Mello, senior buyer per la catena Newbury Comics del New England. «È ancora da vedere se riuscirà ad avere quella continua scalata settimanale che ha avuto l’ultimo album. Ma se dovessi puntare su qualcuno per raggiungere quota un milione (in una settimana, ndr), quella sarebbe Adele».

Pubblicità sponsor Adele potrebbe salvare il music business col suo nuovo album

In ogni caso, i rivenditori si aspettano che Adele porti le persone all’interno dei negozi di dischi per una forte stagione pre-natalizia, contando che il 13 di novembre usciranno anche i nuovi album di Justin Bieber e One Direction. «Mi sembra tutto perfetto», dice Mello del programma di uscite. «Sono pronto a vendere migliaia di dischi di Adele».

Intanto, a proposito di social, pare che la stessa cantante non abbia più accesso diretto al suo account twitter dopo aver postato più volte da “brilla”. Ecco cosa ha detto la cantante ospite della BBC: «È vero, non posso più usare Twitter direttamente. Ora non bevo più, ma all’inizio, quando ho iniziato a usare i social, sono finita nei casini un paio di volte». Un rischio che il management non è più disposto a correre.

vogue-us-march-2012-adele-4Ora la procedura è questa: Adele scrive un tweet lo passa a una persona che lo approva e lo posta per lei. Ma ci tiene a precisare: «Nessun’altro scrive per me. È tutta farina del mio sacco».

Nonostante non possa usare i social direttamente, Adele ha molti altri motivi per cui gioire. Il suo ultimo singolo Hello sta vendendo tantissimo (più di 750,000 download nella prima settimana) e sopratutto il video è diventato il più visto di sempre nelle prime 24 ore, superando Bad Blood di Taylor Swift. Il suo prossimo album, 25, in uscita questo mese, potrebbe vendere nella prima settimana qualcosa come 2 milioni di copie (negli USA).

Dai che è capitato anche a voi: bastano quei due o tre drink in più per perdere ogni freno inibitore e trasformare il cellulare in un’arma pericolosissima tra messaggi agli ex, dichiarazioni d’amore e scenate che da sobri sarebbero inconcepibili. Questo problema riguarda anche le popstar, con la differenza che mentre un vostro tweet viene visualizzato a malapena dai vostri parenti, il loro arriva sugli schermi di milioni di persone.

Fonte

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.