La #streetradio di Milano, clicca per il video dalla vetrina

Petaloso, grazie a Matteo (8 anni) la rete impazzisce…e inzupposo???

Petaloso, grazie a Matteo (8 anni) la rete impazzisce...e inzupposo???Petaloso, grazie a Matteo (8 anni) la rete impazzisce…e inzupposo???

“Qualche settimana fa, durante un lavoro sugli aggettivi, un mio alunno ha scritto di un fiore che era “petaloso”. La parola, benché inesistente, mi é piaciuta, così ho suggerito di inviarla all’Accademia della Crusca per una valutazione. Oggi abbiamo ricevuto la risposta, precisa ed esauriente. Per me vale come mille lezioni di italiano. Grazie al mio piccolo inventore Matteo.”


Recita cosi il post di facebook di Margherita Aurora, maestra del piccolo Matteo, che ha mandato oggi in tilt la rete col suo neologismo… Petaloso.

Ma andiamo con ordine: una parola che ancora non esiste ideata dalla mente di un bambino di 8 anni. Un neologismo, con tanto di timbro dell’Accademia della Crusca, capace di diventare nel giro di poche ore, grazie al passaparola della Rete, il termine più utilizzato sui social network. È la storia di “petaloso”, un aggettivo che sembra uscito dal mondo delle favole e che invece è nato sui banchi di scuola, durante una lezione come tante nella classe di una terza elementare di Copparo, in provincia di Ferrara. La maestra Margherita Aurora chiede ai suoi bambini come descriverebbero un fiore e per Matteo la risposta alla domanda è semplice e immediata: un fiore è “petaloso”, ossia pieno di petali.

https://www.facebook.com/margherita.aurora/posts/10208816872409865

La risposta dell’istituto nazionale per la salvaguardia e lo studio della lingua italiana non tarda ad arrivare, con tanto di complimenti al piccolo ideatore. “La parola che hai inventato – si legge nel documento – è una parola ben formata e potrebbe essere usata in italiano, così come sono usate parole formate nello stesso modo”. La spiegazione motivata porta come esempi simili i termini “coraggioso” o “peloso”, ma avverte anche Matteo di quale sia il percorso, per una parola, per entrare a tutti gli effetti nel dizionario di italiano: è necessario che le persone comincino a utilizzarla. “La tua parola è bella e chiara – continua il testo – Ma sai come fa una parola ad entrare nel vocabolario? Perché entri in un vocabolario, bisogna che la usino tante persone e tante persone la capiscano. Se riuscirai a diffondere la tua parola tra tante persone e tante persone in Italia cominceranno a dire ‘Come è petaloso questo fiore’, ecco allora petaloso sarà diventata una parola dell’italiano”.

Petaloso, grazie a Matteo (8 anni) la rete impazzisce...e inzupposo???
Così, mentre c’è chi si dispera per l’inzupposo di Banderas e la sua assenza dal vocabolario, sui social network è nata una vera e propria gara per aiutare Matteo a fare di “petaloso” una realtà. Dopo che la maestra ha pubblicato il parere dell’Accademia sul proprio profilo Facebook, nel giro di poche ore la storia del suo alunno ha fatto il giro della Rete, diffondendo in modo virale il neologismo. In breve, “petaloso” è diventato trending topic su Twitter, sono nati account e hashtag dedicati al termine e al suo inventore: “E che #petaloso sia! Aiutiamo il piccolo Matteo a diffondere l’aggettivo da lui inventato”.

https://www.facebook.com/thejackalweb/photos/a.234251390062.281958.83508110062/10156470897525063/?type=3&theater

Via

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.