Blackstar di David Bowie, cosa succede se esponete la copertina al sole…

Blackstar di David Bowie, cosa succede se esponete la copertina al sole...Blackstar di David Bowie, cosa succede se esponete la copertina al sole…

Come dovreste sapere, è consigliato conservare la propria copia di Blackstar, e i propri vinili in generale, in un luogo fresco e non troppo esposto al sole, altrimenti c’è il rischio che si incurvino o si deformino. In un caso specifico, però, potrebbe regalare risultati inaspettati.

Un utente di Reddit ha scoperto che esponendo al sole la copertina di “Blackstar”, l’ultimo disco di David Bowie, si ottengono delle particolari macchie gialle che ricordano il cielo in una notte pieno di stelle. Per quanto non ci siano conferme ufficiali, è più che probabile che sia un effetto voluto: c’è un sottile foglio di carta incollato all’interno della facciata principale e tale materiale è stato utilizzato in quel preciso punto della confezione. Grazie al foro sulla copertina e all’ingiallimento della carta, emerge chiaramente il simbolo delle stella.

Easylikeaclick-01L’effetto finale è decisamente affascinante e, al tempo stesso, commovente, dato che l’album uscì appena due giorni prima della morte del Duca Bianco, avvenuta lo scorso 10 gennaio. Secondo il produttore dell’album, Tony Visconti, “Blackstar” era un omaggio a tutti i fan e alle persone a cui Bowie ha voluto bene; così ha commentato Visconti in un’intervista al Telegraph: “l’ha fatto per per noi, è il suo regalo d’addio”. A questo si aggiunge anche una recente dichiarazione di Jonathan Barnbrook – che ha curato l’artwork del disco – nella quale afferma che il progetto grafico voleva intenzionalmente rappresentare “un uomo che affronta il suo rapporto con la morte”.

Il duca bianco è morto lo scorso gennaio dopo una “coraggiosa lotta di 18 mesi” contro il cancro. Attivo dalla metà degli anni sessanta, Bowie ha attraversato cinque decenni di musica rock, reinventando nel tempo il suo stile e la sua immagine e creando alter ego come Ziggy Stardust, Halloween Jack, Nathan Adler e The Thin White Duke.
(via)