#AscoltaciOvunque con l’ applicazione SMradio

Ludovico Einaudi suona per Greenpeace tra i ghiacci dell’Artico

Ludovico Einaudi suona per Greenpeace tra i ghiacci dell'Artico

Ludovico Einaudi suona per Greenpeace tra i ghiacci dell’Artico

“Elegy for the Arctic” è il brano che il compositore italiano Ludovico Einaudi ha interpretato in favore della campagna di Greenpeace in difesa dell’Artico. La performance è stata girata in uno scenario mozzafiato tra i ghiacci di Wahlenbergbreen, davanti alle coste delle isole Svalbard (Norvegia).

L’iniziativa che ha visto coinvolto l’artista italiano punta a preservare un territorio continuamente vittima di trivellazioni e pesche intensive che ne deturpano la sua sconfinata bellezza, già compromessa dal riscaldamento globale.

Il compositore si è imbarcato sulla nave degli ecologisti “Arctic Sunrise” in direzione delle coste delle isole Svalbard (Norvegia). Qui, al largo, su una piattaforma galleggiante, sullo sfondo del ghiacciaio costiero di Wahlenbergbreen, ha suonato.
Ecco il video della performance:

Il compositore ha commentato così l’unicità della sua interpretazione: “Arrivare qui è un’esperienza incredibile – ha detto Einaudi, che sostiene l’appello firmato da quasi otto milioni di persone per chiedere alla comunità internazionale di sottoscrivere al più presto un accordo contro lo sfruttamento di questo ambiente e contro i cambiamenti climatici. – L’Artico non è un deserto, ma un luogo pieno di vita”.

“Ho potuto vedere con i miei occhi – ha aggiunto – la purezza e la fragilità di quest’area meravigliosa e suonare una mia composizione ispirata alla bellezza dell’Artico e alle minacce che subisce a causa del riscaldamento globale. Dobbiamo comprendere l’importanza dell’Artico per proteggerlo prima che sia troppo tardi”.

"Elegy for the Arctic" è il brano che il compositore italiano Ludovico Einaudi ha interpretato in favore della campagna di Greenpeace in difesa dell'Artico. La performance è stata girata in uno scenario mozzafiato tra i ghiacci di Wahlenbergbreen, davanti alle coste delle isole Svalbard (Norvegia).

Einaudi ha preso parte a quest’iniziativa che vede coinvolte otto milioni di persone nella campagna SaveTheArctic con l’obiettivo di chiedere alla comunità internazionale di salvaguardare la magnificenza di questo luogo che il comitato scientifico dell’OSPAR, ha definito di importantissima rilevanza ecologica dopo il disgelo provocato dai cambiamenti climatici.

"Elegy for the Arctic" è il brano che il compositore italiano Ludovico Einaudi ha interpretato in favore della campagna di Greenpeace in difesa dell'Artico. La performance è stata girata in uno scenario mozzafiato tra i ghiacci di Wahlenbergbreen, davanti alle coste delle isole Svalbard (Norvegia).

Greenpeace infatti ha proposto l’isitituzione di un Santuario Artico in cui sia vietata ogni attività di trivellazione, mettendo sotto pressione i governi di Danimarca, Norvegia e Islanda che si oppongono alla proposta della famosa ONG che da anni si batte in difesa del rispetto ambientale.

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.