La #streetradio di Milano, clicca per il video dalla vetrina

Houston abbiamo un problema! Liceale corregge la NASA, l’agenzia gli offre un lavoro

Houston abbiamo un problema! Liceale corregge la NASA, l'agenzia gli offre un lavoroHouston abbiamo un problema! Liceale corregge la NASA, l’agenzia gli offre un lavoro

Miles Soloman e la NASA, una storia destinata a durare? Miles è uno studente inglese di 17 che studia alla Tapton School di Sheffield. Durante una lezione fisica, mentre analizzava alcuni dati dei sensori installati sulla Stazione Spaziale internazionale (Iss), si è accorto che c’erano alcuni errori. Il ragazzo ha allora deciso di mandare una mail alla NASA con le analisi da lui svolte per segnalare il problema, e dall’agenzia spaziale si sono accorti che in realtà Miles aveva ragione e c’erano effettivamente delle anomalie. La NASA allora ha invitato il ragazzo a lavorare personalmente alla risoluzione del problema.

Il liceale inglese era uno dei ragazzi della scuola coinvolti nel progetto TimPix, che aveva come obiettivo quello di studiare e analizzare l’impatto delle radiazioni spaziali sugli esseri umani. Tale programma permette l’accesso ai dati registrati dalla stazione spaziale della NASA per 6 mesi e Soloman, insieme ai suoi compagni, dovevano destreggiarsi nelle diverse griglie Excel per classificare i dati per livello di energia. Soloman ha notato l’errore, in quanto c’era un livello di energia troppo basso in alcuni casi.

Stavamo discutendo tutti insieme dei dati quando all’improvviso è saltato fuori dicendo: ‘perché qui c’è un’energia pari a -1?’

ha detto James O’Neill, il suo professore di fisica. Il ragazzo aveva notato che quando i sensori non riuscivano a catturare radiazioni registravano un dato negativo, ma non è possibile avere energia negativa. È stato allora che il giovane ha deciso di contattare la NASA: “ora potrò dire ai miei amici: ‘ho mandato una mail e loro hanno dato uno sguardo ai grafici che ho fatto’” ha detto Soloman. Che sia l’inizio di qualcosa di più grande? Il sogno del ragazzo è infatti quello di lavorare con la NASA:

Non sto cercando di provare che l’agenzia faccia degli errori. Voglio lavorare con loro e imparare da loro

ha sottolineato.

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.