La #streetradio di Milano, clicca per il video dalla vetrina

La luce vi disturba il sonno? “Colpa” di una proteina che dice al cervello di non dormire

La luce vi disturba il sonno? “Colpa” di una proteina che dice al cervello di non dormire

E’ colpa, o merito, di una proteina se la luce tende a svegliarci e il buio tende a farci venire sonno. E’ quanto emerge da una ricerca condotta dal California Institute of Technology (Caltech) di Pasadena, che ha analizzato in che modo l’alternanza giorno-notte influenzi direttamente la propensione ad addormentarsi. Lo studio, descritto sulla rivista Neuron, potrebbe aprire la strada a nuovi farmaci per influenzare il ritmo sonno-veglia.

E' colpa, o merito, di una proteina se la luce tende a svegliarci e il buio tende a farci venire sonno. E' quanto emerge da una ricerca condotta dal California Institute of TechnologyGià studi precedenti avevano identificato negli occhi i fotorecettori che captano l’effetto della luce e li trasformano in segnali elettrici. Non era però ancora noto come il cervello utilizzasse queste informazioni visive per influenzare il sonno.

Test sui pesci zebra – I ricercatori statunitensi hanno esaminato un gruppo di cosiddetti pesci zebra (danio rerio), i quali presentano un’alternanza di sonno-veglia simile a quella umana. Gli esemplari analizzati sono stati geneticamente modificati per esprimere una certa proteina, denominata prokineticin 2 (Prok2).

Dai test è emerso che i pesciolini con Prok2 in eccesso tendevano a dormire durante il giorno e rimanevano svegli durante la notte. I risultati hanno dunque suggerito che Prok2 è in grado di inibire l’effetto di veglia che la luce esercita normalmente, così come l’effetto contrario esercitato dall’oscurità.

La ricerca continua – I ricercatori hanno evidenziato inoltre che livelli eccessivi di Prok2 corrispondono all’incremento dei livelli di galanina, un neuropeptide che è stato individuato di recente nell’ipotalamo anteriore del cervello che svolge un ruolo chiave nella regolazione del sonno. Il prossimo passo degli scienziati sarà scoprire se Prok2 si comporta allo stesso modo anche nel cervello umano.

via

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.