Dal 27 ottobre “TOTEM”, il sesto album di Emanuele Dabbono, disponibile in digitale e in versione fisica.

Dal 27 ottobre “TOTEM”, il sesto album di Emanuele Dabbono, disponibile in digitale e in versione fisica.

A due anni di distanza dall’ultimo, è in arrivo “TOTEM”, il sesto album di Emanuele Dabbono disponibile dal 27 ottobre in tutte le piattaforme digitali e in versione fisica.

Edito da Pandar Italia di Tiziano Ferro e Sugar Music, con distribuzione a cura di Artist First.

Dopo un anno di successi per Emanuele Dabbono, al fianco di Tiziano Ferro in veste di autore, co-firmando i singoli “Il Conforto” (doppio disco di platino), “Lento/Veloce” (disco di platino) e “Valore Assoluto” (attualmente in radio), arriva finalmente il nuovo album TOTEMUn disco maturato in 20 anni di carriera e che oggi trova il momento giusto per diventare realtà. 

Ascolta le nostre interviste ad Emanuele qui e qui

La versione fisica dell’album è già in pre-order su Music First, in una speciale versione autografata a tiratura limitata(disponibile al seguente link: http://bit.ly/ED-Totem).

La cura di sapere finalmente chi sei.
Spaventare le paure con la forza della gentilezza.
Esorcizzare giganti insicurezze e dubbi sul futuro con un esercito di disarmanti, piccole, gioie quotidiane.”

TOTEM è un disco pensato per 20 anni, registrato dal vivo in acustico in tre giorni all’interno di una chiesa sconsacrata ad Arenzano. Una scelta dettata dal desiderio di catturare lo spirito, l’urgenza e la verità del momento che hanno fatto grandi alcuni dei dischi più amati da Emanuele negli anni ‘70.

Tra questi, uno fra tutti: “Running On Empty” di Jackson Browne.

Per un momento si mettono da parte i sintetizzatori che hanno accompagnato Emanuele Dabbono nella scrittura con Tiziano Ferro per dare spazio ad 11 tracce acustiche realizzate insieme ad una band di 11 elementi. Un suono più scarno, intimo e sicuramente fuori moda, ma appartenente in tutto e per tutto alla sua dimensione di cantautore.

Ho in mano il disco che sognavo di fare da anni. Completamente libero, fuori da strategie o logiche di mercato. Semplicemente ho cercato di avvicinarmi il più possibile alla versione in HD di me stesso. Senza compromessi. Andateci piano, maneggiate il mio cuore le parole di Emanuele Dabbono sul suo nuovo lavoro.

Non mancano gli ospiti musicali in TOTEM, come Fabrizio Barale (chitarrista per Ivano Fossati), Marco Cravero (chitarrista per Francesco De Gregori), Paolo Bonfanti e persino un sorprendente cameo del popolare comico Andrea Di Marco alla tromba. Un disco suonato dalla prima all’ultima nota, dai suoni vagamente irish, masterizzato in analogico e con polaroid a cartuccia colorata d’epoca a far da artwork.

Totem non ha in programma un singolo di lancio, il disco verrà presentato nella sua interezza e totalità, una promozione controcorrente che incontra la linea e le atmosfere dell’album. Sarà il pubblico, ascoltandolo, a riconoscere il proprio singolo.

Attraverso la pagina Facebook di Emanuele verranno svelati, passo dopo passo, tutti gli elementi che compongono TOTEM e il processo di realizzazione.

La band: Giuseppe Galgani (chitarra), Fabrizio Barale (bouzuki), Gianka Gilardi (batteria), Marco Cravero (chitarra acustica), Fabio Biale (violino, bohdran), Carlo Aonzo (mandolino), Michele Aloisi (basso), Antonio Fantinuoli(violoncello), Paolo Bonfanti (dobro slide), Luigi Cerati (armonica), Andrea di Marco (tromba), Marta Moretti (cori).

Emanuele Dabbono (Genova, 1977), cantautore, polistrumentista e autore di recente successo: sue sono “Incanto” (2x platino), “Il Conforto” (2xplatino), “Lento/Veloce” (platino), “Valore Assoluto“, scritte a 4 mani con Tiziano Ferro al quale l’artista è legato da un contratto editoriale.

Terzo classificato alla prima edizione di X-Factor Italia, Premio della critica a Castrocaro, Vincitore del Cornetto Free Music Festival, Premio Teatro contro ogni barriera, Premio nazionale poesia San Domenichino, Premio Castrum d’Argento 2016, Emanuele Dabbono ha finora pubblicato cinque album, di cui tre in italiano: “Ci Troveranno Qui” (EDEL, 2008), “Trecentoventi” (HALIDON, 2012), “La Velocità Del Buio” (EDEL, 2015) e due in inglese con annesso tour di nove date in U.S.A. (Tra New York, Boston, Philadelphia e Cleveland) con lo pseudonimo Clark Kent Phone Booth: “Vonnegut, Andromeda & the tube heart geography”, “Songs for Claudia” (LMEUROPEAN MUSIC 2012). È anche autore di due libri: Genova di spalle (2010, Romanzo) Musica per lottatori (2013, raccolta di poesie).