“Stadi 2018”, il tour di concerti di Cesare Cremonini, è già da record, così come “Poetica”

“Stadi 2018”, il tour di concerti di Cesare Cremonini, è già da record, così come “Poetica”

Sono 60 mila i biglietti venduti in soli quattro giorni per “Stadi 2018”, il tour di concerti di Cesare Cremonini che si esibirà per la prima volta a giugno in quattro concerti, il 15 giugno a Lignano (Stadio Teghil), il 20 giugno a Milano (Stadio San Siro), il 23 giugno a Roma (Stadio Olimpico) e in chiusura a Bologna il 26 giugno allo Stadio Dall’Ara.

Un appuntamento importante per Cremonini, dopo gli ultimi due anni passati lontano dai palchi e dedicati al lavoro di produzione del nuovo disco “Possibili Scenari” (nei negozi dal 24 novembre). Questo tour segna una svolta fondamentale nella carriera di un artista che si è sempre contraddistinto per la scrittura di un repertorio diventato, in questi diciotto anni, patrimonio collettivo della musica pop italiana.

"Stadi 2018", il tour di concerti di Cesare Cremonini, è già da record, così come "Poetica"Cremonini ha sempre percorso, dal 1999 ad oggi, strade artistiche e discografiche mai scontate, definendo, disco dopo disco, quei tratti caratteristici che oggi fanno di lui un musicista, un autore e un performer unico per stile e talento.

Il tour “Stadi 2018” è prodotto e organizzato da Live Nation Italia.

Grande successo anche per “Poetica” che si posiziona ai vertici delle classifiche radiofoniche a meno di una settimana dalla sua uscita.

Di seguito il calendario del tour “Stadi 2018” di Cesare Cremonini:

15/06 LIGNANO – stadio G. Teghil

20/06 MILANO – Stadio San Siro

23/06 ROMA – Stadio Olimpico

26/06 BOLOGNA – Stadio Dall’Ara

“Poetica” non è “un pezzo”. Ma una canzone.
E’ stata scritta, suonata e cantata senza paura. Scelta come primo singolo perché rispetto alle altre canzoni che compongono l’album è priva di difese. La sua armatura è lei stessa, la sua struttura, la sua melodia, la sua armonia, le sue parole umane e dirette.
Non cerca facili scorciatoie e non si nasconde dietro alle mode del momento per piacere.
La quiete che accompagna la tristezza. L’inquietudine del silenzio che accompagna la paura. La potenza del coraggio di chiedere un abbraccio che rompe le catene.
“Poetica” è una ballad ma ha il sound di una band, una ritmica ossessiva e comunicativa che richiama l’eco di un accompagnamento jazz. Non è solo un canzone d’amore: il “…sei bellissima…” gridato nel ritornello è urlato alla vita.
E’ un cocktail di benvenuto per il nuovo album, ricco di serotonina e dopamina: gli ingredienti della felicità e dell’unione tra gli esseri umani.