Classifiche 2017: Despacito e Gabbani sono i più visti su Youtube, su facebook si discute di…

Classifiche 2017: Despacito e Gabbani sono i più visti su Youtube, su facebook si discute di…

Fine anno, tempo di classifiche 2017: i più visti su youtube, i più ascoltati su Spotify e gli argomenti più ricercati e discussi su facebook.

VOTA LA TOP 20 DEL 2017 QUI

Il tormentone di Luis Fonsi e Daddy Yankee Despacito, video YouTube più visto di sempre, è il re della classifica dei video musicali più popolari su YouTube nel 2017. Al secondo posto Occidentali’s Karma di Francesco Gabbani che vanta il record di essere il video italiano più veloce di sempre a raggiungere 100 milioni di visualizzazioni.

Ecco la top 10 dei video musicali più popolari su YouTubeben 7 sono italiani.

1. Luis Fonsi – Despacito ft. Daddy Yankee

   

2. Francesco Gabbani – Occidentali’s Karma 

 


3. Fabio Rovazzi (feat. Gianni Morandi) – Volare (Official Video) 

   


4. Enrique Iglesias – Subeme la radio (Official Video) ft. Descemer Bueno, Zion & Lennox 

 


5. Ed Sheeran – Shape of You [Official Video] 


6. Baby K – Voglio ballare con te ft. Andrés Dvicio 

   


7. Takagi & Ketra – L’esercito del selfie ft. Lorenzo Fragola, Arisa 

   


8. J-AX & Fedez – Senza Pagare VS T-Pain

 

9. Thegiornalisti – Riccione 


10. Ghali – Happy Days (Prod. Charlie Charles)

    

Classifiche 2017, spotify: Ed Sheeran è il re di Spotify per il 2017. Il cantautore inglese è stato l’artista più ascoltato del 2017 a livello globale, e anche in Italia, secondo le classifiche dell’anno stilate dal colosso della musica, e rimane al primo posto tra i più ascoltati su Spotify con 47 milioni di streaming mensili. Il suo ö (Divide) è stato l’album più riprodotto in streaming dell’anno in tutto il mondo, con 3,1 miliardi di riproduzioni; Shape of You è diventato il brano più ascoltato di sempre, con oltre 1,4 mld di streaming. Tra le donne è Rihanna a essere incoronata per il terzo anno.
Nonostante il successo di Sheeran, l’hip hop continua a giocare un ruolo fondamentale nelle abitudini di ascolto degli utenti di tutto il mondo. Secondo Spotify, nell’ultimo anno l’ascolto di musica hip hop è aumentato complessivamente del 74%. In crescita anche la musica latino americana, con un aumento del 110% e con i brani “Despacito” e “Mi Gente” i primi di questo genere a raggiungere la vetta nella Global Top 50 di Spotify.

Classifiche 2017, Facebook: La morte di Paolo Villaggio, gli attentati terroristici di Barcellona, il terremoto di Ischia e la finale di Champions tra Real Madrid e Juventus: sono tra gli argomenti più discussi in Italia nel 2017 su Facebook insieme alla band Linkink Park, dopo la morte del cantante Chester Bennington. Su Instgram, altra piattaforma dell’universo Zuckerberg, l’hashtag più usato si conferma #Love.

A livello globale, su Facebook, i tre momenti più discussi dell’anno sono stati La Giornata Internazionale della Donna (più di 165 milioni di persone hanno generato oltre 430 milioni di interazioni nel mondo); il Super Bowl 51 (262 milioni visualizzazioni, 64 milioni di persone hanno generato oltre 240 milioni di interazioni); l’attacco di Las Vegas che ha “spinto oltre 3.300 persone nel mondo ad offrire Aiuto attraverso i Servizi per le Emergenze su Facebook”.

Tornando al nostro paese, gli italiani hanno creato eventi satirici per rispondere a fatti di cronaca. Tra questi i più partecipati sono stati Le Olimpiadi Invernali di Toritto 2017, ridente località della provincia di Bari innevata lo scorso gennaio più della nordica Torino. Su Instagram tra i post con più like c’è quello di Beyonce che annuncia la sua seconda gravidanza; le celebrities più seguite sono Selena Gomez (130 milioni di follower), Cristiano Ronaldo (116 milioni), Ariana Grande (115 milioni). Nel posido dei posti più popolari del 2017 ci sono Disneyland, California, Times Square e Central Park a New York. Tra le città più ‘instagrammate’ New York, Londra, Mosca. In entrambe queste classifiche manca l’Italia.

A partire dal 6 dicembre per tutti gli utenti sarà disponible un video personalizzato nel News Feed che può essere condiviso. È possibile accedere al video visitando facebook.com/yearinreview.

via ANSA