La #streetradio di Milano, clicca per il video dalla vetrina

Musica su Facebook, il social sigla altri accordi. Prima o poi non bloccherà più i vostri video…

Musica su Facebook, il social sigla altri accordi. Prima o poi non bloccherà più i vostri video…

Quanti di voi si sono visti bloccare video o dirette live a causa della musica su Facebook? Ore, o anche solo minuti, dedicati ai video, per poi vederseli bloccati a causa dei diritti sull’utilizzo della musica.

Ora, dopo Sony Music e Universal Music, Facebook sigla un altro accordo con l’obiettivo di garantire l’uso di canzoni sulle sue piattaforme. Il social network ha stretto un’intesa con Ice Services, un hub europeo per la gestione dei diritti con un catalogo di 31 milioni di lavori musicali.
L’accordo copre le questioni relative a licenze e royalty quando i brani rappresentati da Ice sono usati su Facebook, Instagram, Oculus e Messenger. I patti escludono WhatsApp, che essendo una chat privata non richiede licenze musicali.
Intese simili sono state firmate da Facebook nel dicembre scorso con Universal e a gennaio con Sony. Sempre al mese scorso risalgono gli accordi con Global Music Rights, Rumblefish e Kobalt Music Publishing.

Su whatsapp, invece, torna il trillo di MSN: pare proprio che fra le novità che riguarderanno questo diffuso e comodo servizio di messaggistica ci sarà il ritorno del temutissimo “trillo”, che ogni utente che abbia mai avuto posseduto un account Windows Live Messanger ricorderà sicuramente. Un trillo, appunto, una sorta di promemoria da parte degli amici che ci stanno cercando e che spesso ci ha fatto saltare sulla sedia. Quasi uno stalking , potremmo dire, che probabilmente non renderà felici molti di noi. Questa funzione, secondo il reporter Gary Cockburn dovrebbe essere attiva già a partire dal prossimo aprile e, udite udite, non sarà possibile disattivarla come per altre funzioni relative alla chat (come per esempio la famosa spunta blu o l’orario d’accesso). La buona notizia é che sarà attiva solo quando si é online.

Un ritorno al passato, insomma, che a molti ricorderà le prime conversazioni da adolescente con il ragazzo o la ragazza che ci piaceva, le amicizie della scuola. Perché è vero, il mondo va avanti e a volte anche in modo troppo veloce, ma c’è sempre qualcosa del passato che poi viene recuperato e rivisto, anche per una app così moderna.

ANSA

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.