La #streetradio di Milano, clicca per il video dalla vetrina

Il Natale di Melegatti è salvo, grazie a due operai che ne hanno custodito la ricchezza segreta

Il Natale di Melegatti è salvo, grazie a due operai che ne hanno custodito la ricchezza segreta

Li chiamano “gli angeli del lievito madre”. Così la ricchezza di Melegatti è salva e l’azienda riavvia la produzione dei suoi pandori e può ritenersi pronta per le Feste. Il lievito madre, infatti, anche nei tempi più bui della chiusura, è stato custodito, curato, coccolato da due lavoratori che ora vengono chiamati “eroi” e per i quali in tanti sui social chiedono l’onorificenza di cavalieri del lavoro. I protagonisti di questa storia da moderno Libro Cuore sono Matteo Peraro e Davide Stupazzoni, in Melegatti rispettivamente dal 2004 e dal 1995. A loro si deve il nuovo “miracolo” produttivo: così da qualche giorno forni riaccesi, profumo di pandoro nell’aria e fila davanti allo spaccio aziendale che non ha alzato ancora le saracinesche. Pioggia di richieste da tutta Italia: il Natale di Melegatti (e della tavole italiane) è salvo, anche grazie a Matteo e Davide.

Il lievito va nutrito ogni giorno, altrimenti c’è il rischio che muoia. E stiamo parlando di qualcosa di unico, che ha almeno 124 anni di storia, perché verosimilmente esisteva da prima che venisse fondata la ditta, utilizzato nella prima pasticceria di Domenico Melegatti”, ha riferito a Il Corriere del VenetoGiacomo Spezzapria, il nuovo ad, riferendosi ai due addetti-eroi.

Per entrambi, riporta il quotidiano, come per il resto dei loro colleghi storici, la maggior parte degli assunti, rientrare nello stabilimento “è stato come tornare a casa. Ci teniamo tantissimo a questo nome, e speriamo che possa durare nel tempo”. Attesa per l’apertura dello store del marchio in centro a Verona.

via

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.