La #streetradio di Milano ti augura buone feste

Sylvester Stallone appende i guantoni al chiodo: “Mai più Rocky” – streetradio

Sylvester Stallone appende i guantoni al chiodo: “Mai più Rocky”

Questa volta è davvero finita. Dopo oltre 40 anni e otto film, Sylvester Stalloneappende al chiodo i guantoni di Rocky Balboa. In un video pubblicato su Instagram, l’attore 72enne comunica che lascerà il personaggio per fare spazio alla nuova generazione incarnata da Adonis Johnson, eroe della saga di “Creed“. “Anche se mi spezza il cuore, tutto ha una fine – ha scritto Sly -. Rocky non morirà mai perché vive in voi.

“Oggi che mi ritiro e che la mia storia è stata raccontata, un nuovo mondo si apre per il pubblico con questa generazione” ha detto Stallone nel video, che è stato registrato su una spiaggia durante le riprese di “Creed II”, uscito negli Usa il 21 novembre. Dal 1976, l’attore ha interpretato otto volte il ruolo che l’ha reso celebre e gli è valso diverse nomination agli Oscar.

Intanto la storia di “Creed 2” inizia a solleticare i palati dei fan di Rocky. Durante un’intervista a TMZSylvester Stallone ha annunciato ufficialmente che in questo secondo capitolo sarà presente il suo vecchio rivale Ivan Drago, interpretato sempre da Dolph Lundgren. Ma c’è di più, l’attore durante l’intervista ha aggiunto: “Gli tirerò un pugno, non posso non colpirlo almeno una volta!”

Ivan Drago compare in “Rocky IV” e tra gli avversari affrontati dal pugile interpretato da Stallone, resta il più iconico: insensibile come un robot, capitano dell’Armata Rossa e sposato con Ludmilla (Brigitte Nielsen, ai tempi compagna di Stallone nella vita). Il pugile sovietico è responsabile della morte di Apollo Creed sul ring, che verrà vendicato proprio da Balboa nell’incontro finale del film.

via

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.