SMradio a luglio ti porta in Puglia in diretta da Arianna Club

Melloo, la pizzeria di Firenze dove paghi coi vinili! Abbiamo parlato con Massimo, il proprietario

Melloo, la pizzeria di Firenze dove paghi coi vinili! Abbiamo parlato con Massimo, il proprietario

A Firenze esiste una pizzeria speciale in cui è possibile pagare con i Vinili.
Questa iniziativa fighissima è stata intrapresa da Massimo Mauceri, titolare di Melloo, che si è inventato i VinylCoin
A partire da sabato scorso, 20 giugno, esiste la prima pizzeria che accetta il pagamento della cena in vinili.
Quante volte, in una pizzeria, ti è capitato di arrivare alla cassa al momento del pagamento e non poter pagare con il bancomat ma non avere abbastanza contante?
Insomma, il momento del pagamento è sempre ostico.
A risolvere il problema di resti e commissioni ci ha pensato Massimo, grande appassionato di musica, che ha pensato di aumentare la propria collezione di vinili in un modo molto semplice quanto efficace: scambiandoli con altri collezionisti come lui.
Non stiamo scherzando ed è tutto vero. Dal 20 giugno 2020 la Pizzeria Melloo, che ha sede nella meravigliosa Firenze, accetta pagamenti alla cena appena consumata con i Vinyl Coin.
Ti presenti alla cassa con i tuoi vinili, che verranno valutati direttamente dal titolare usando come riferimenti il sito discogs.com: se il valore è pari alla cena, puoi andare. Se il valore fosse maggiore, riceverai un buono da utilizzare per la prossima cena.
La proposta di pagamento con i Vinyl Coin è valida solo di sera e solo per le cene al ristorante (non è possibile applicare questo metodo a delivery o asporto). Ma sembra comunque una proposta ragionevole.

Da Melloo non puoi pagare con qualunque vinile, ovviamente, ma c’è una certa selezione.

Non finisce qui: durante la cena, a base di pizza o hamburger, puoi ascoltare i vinili che preferisci approfittando della collezione del titolare.

Immagino che anche tu, adesso, starai guardando nella tua libreria cercando di capire quale disco cedere in cambio di una ottima pizza.

Ascolta qui l’intervista con Massimo, che ci racconta un sacco di cose in più!

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.