You & Me luce e gas partner di SMradio per l’energia

Nasce “Scena Unita” per sostenere i lavoratori dello spettacolo

Nasce “Scena Unita” per sostenere i lavoratori dello spettacolo

di Chiara Denti

Il mondo degli artisti si mobilita a favore dei lavoratori più fragili della musica e dello spettacolo. Senza live, con i teatri chiusi, il rischio che il sistema collassi è più che reale. Spettacoli sospesi, concerti annullati, teatri e cinema chiusi… sono tempi difficili per chi lavora nella musica e nello spettacolo. E non si tratta solo delle grandi star, ma di tutti i professionisti (e sono moltissimi) necessari per dar vita agli show: turnisti, tecnici audio e luci, attrezzisti, make up artist, costumisti, sceneggiatori, operatori… la lista è davvero infinita.

Nasce così a sostegno di questo settore “Scena Unita”, un Fondo per i lavoratori della Musica e dello Spettacolo che sarà gestito da Cesvi, l’organizzazione umanitaria italiana laica e indipendente, in collaborazione con La Musica Che Gira e Music Innovation Hub, e patrocinata da Mibact.

Nelle scorse settimane Fedez aveva lanciato una proposta diretta ai colleghi e alle agenzie live, di rinunciare all’anticipo minimo garantito dei concerti, a favore di un fondo per le maestranze del settore. Il rapper ha presentato il progetto come un lavoro “di gruppo, corale, a cui hanno aderito già 70 artisti e tantissimi brand. Si tratta di un’opera di coesione vera e propria”.

L’ex giudice di X Factor ha colto l’occasione di parlare dell’iniziativa, sul palco del Talent, anticipando il successo di questo progetto a sostegno del settore.

 

Il rapper ha spiegato: “Non sono un portavoce, tutti gli artisti hanno partecipato in modo spontaneo, è un’iniziativa di gruppo. Non ci sono capigruppo, senza gli artisti non avrebbe la stessa forza che il progetto vuole mettere in campo”, accompagnato nella presentazione da tanti colleghi tra cui Gianna Nannini a Shade, da Achille Lauro a Calcutta e Giovanni Caccamo.

 

Ecco i nomi degli artisti che hanno preso parte al progetto e in questa lista ci sono anche personaggi che provengono dal mondo dello spettacolo e del cinema:

 

Achille Lauro, Alessandra Amoroso, Amadeus, Annalisa, Arisa, Baby K, Beba, Bianca Atzei, Boro Boro, Brunori Sas, Calcutta, Caparezza, Cara, Carl Brave, Carlo Verdone, Chiara Galiazzo, Claudio Baglioni, Coez, Colapesce, Cosmo, Dardust, Dargen D’amico, DJ Slait, Elio e le storie Tese, Elisa, Emma Marrone;Ermal Meta, Ernia, Eugenio in via di Gioia, Fabrizio Moro, Federica Abbate, Federica Carta, Fedez, Fiorello, Fred de Palma, Gaia Gozzi, Gemitaiz, Ghali, Gianna Nannini. Gianni Morandi, Gigi D’Alessio, Gio Evan, Giorgio Poi, Giovanni Caccamo, Guglielmo Scilla. Hell Raton, Il Volo, J-ax, Jack The Smoker, Lazza, Leon Faun, Levante, Lo stato sociale, Lorella Boccia, Low Kidd, Madame, Madman, Mahmood. Manuel Agnelli, Mara Sattei, Maria De Filippi, MezzoSangue, Michele Bravi, Michelle Hunzike r; Motta, Myss Keta, Nayt, Niccolò Fabi, Nitro, Paolo Bonolis, Pinguini Tattici Nucleari, Priestess, Rose Villain, Rovere, Sabrina Ferilli, Senhit, Seryo ,Shade; Simona Molinari, Tha Supreme, Tommaso Paradiso, Vasco Brondi, Vegas Jones, Young Miles.

 

All’iniziativa hanno aderito anche una quantità di aziende dello showbiz ma non solo: da Prime Video (che ha donato un milione di euro) a Banca Intesa (che ha stanziato 250.000 euro), da Fremantle ad Arcobaleno 3, Estetista Cinica, Fendi, Vertigo, Friends &Partners, Magellano Concerti, Vivo Concerti, Live Nation, Sony Music Entertainment Italy, Warner Music, Universal Music Italia, FIMI, Endemol Shine, Layla Cosmetics; Trident, BPM Concerti, 42 Records, Bomba Dischi, Eclectic, DNA Concerti, Tanta Roba, Alchimia, SDL.

 

Il 50% del ricavato della raccolta fondi andrà ai lavoratori dello spettacolo, il 25% in attività formative e l’ultimo 25% in progetti che possano generare nuove occasioni nel settore.

“L’obiettivo di questa presentazione è reclutare il maggior numero di artisti e partner possibili”.

 

Il fondo “Scena Unita” per i lavoratori della Musica e dello Spettacolo ha il patrocinio del Ministero per i beni e delle attività culturali e per il turismo.

Tutti potranno donare attraverso la piattaforma crowdfunding:http://www.forfunding.intesasanpaolo.com/DonationPlatform-ISP/ messa a disposizione da Intesa Sanpaolo che, fin da subito, ha creduto nella validità del progetto.

 

Diversi cantanti e personaggi del mondo dello spettacolo hanno sostenuto Fedez sottolineando l’importanza del progetto in questo momento fragile.

Gianna Nannini ha detto che “È importante “far capire la problematica di persone che in questo momento spesso sono anche costrette a cambiare lavoro”.

Gianni Morandi è contento “che si passi dalle parole ai fatti. Sappiamo le difficoltà di tutte queste famiglie, si parla di centinaia di migliaia di persone”.

Scena Unita è “un gesto di solidarietà per non lasciare indietro chi ha contribuito a farci arrivare come artisti e che ci permette di svolgere il nostro lavoro Ricordiamo che il nostro Paese ha le sue fondamenta nella cultura”, queste sono le parole riportate da Achille Lauro.

Per Manuel Agnelli “non c’è mai stata un’unità di intenti così grande nel nostro settore come questa, per un mondo professionale che coinvolge 900 mila lavoratori, contando anche l’economia indotta. Divisi non siamo niente”.

Vasco Rossi, scrive su Instagram: “Aderisco con entusiasmo all’iniziativa per un fondo a sostegno dei lavoratori della musica, dello spettacolo e delle loro famiglie”.

Ermal Meta ha dichiarato: “Per i lavoratori del mondo dello spettacolo nasce #SCENAUNITA. L’emergenza sanitaria ha messo in ginocchio un settore già duramente provato da anni di negazioni dei diritti di questo settore e lavoro. Ci siamo uniti in tanti per dare vita a questo progetto e siamo orgogliosi di averlo fatto in così poco tempo. Ci auguriamo che anche lo Stato faccia la sua parte in quanto sui palchi non ci vanno solo i cantanti. Grazie a tutti quelli che hanno preso e prenderanno parte”.

 

Alcuni giorni fa Fedez ha condiviso sui social questo messaggio: “Sono veramente felice di comunicarvi che abbiamo raccolto 2 milioni di euro per aiutare i lavoratori del mondo della musica e dello spettacolo.

Sono state due settimane molto intense, abbiamo lavorato giorno e notte per rendere possibile tutto questo, un fondo che potesse correre in aiuto di tutte le famiglie di un settore tra i più colpiti durante questa emergenza. Ogni artista presente ha partecipato a questa iniziativa donando in prima persona. Grazie a tutti gli artisti e i brand che hanno deciso di supportare questa causa. Estendiamo l’appello a tutti gli artisti che vogliono dare una mano a questo grande progetto. Felice ed orgoglioso di questa Scena Unita!

 

Sempre a sostegno del fondo Fedez ha in programma prossimamente il lancio di lunga maratona Twitch, mentre il 22 novembre parteciperà, come già citato, con Achille Lauro, Mahmood, Elodie, Myss Keta, Carl Brave, Ernia, Cara e Beba al progetto “Dream Hit – The Social Concert”, in diretta streaming sul canale YouTube di Intesa Sanpaolo.

 

“Scena unita” è una bella risposta alle manifestazioni di protesta dei lavoratori e dalle lavoratrici dello spettacolo, un’iniziativa che idealmente unisce coloro che vivono sotto la luce dei riflettori a tutti quelli che lavorano dietro le quinte.

Come ha ricordato Eugenio in via di Gioia: “Dobbiamo creare un collettivo soprattutto per dare spazio alla nuova musica. La sua speranza è creare una piattaforma che possa far conoscere gli artisti emergenti”.

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.