You & Me luce e gas partner di SMradio per l’energia

“Le canzoni della nostra storia”: la raccolta dei Pooh uscita il 20 novembre per celebrare i 50 anni di carriera e ricordare Stefano D’Orazio

“Le canzoni della nostra storia”: la raccolta dei Pooh uscita il 20 novembre per celebrare i 50 anni di carriera e ricordare

Stefano D’Orazio

di Chiara Denti

Stefano D’Orazio, il batterista dei Pooh, aveva un sogno, ma per pochi giorni non ha potuto vederlo realizzato, perché è venuto a mancare lo scorso 7 novembre.

La sorte ha voluto che proprio questo mese i Pooh tornassero sul mercato discografico per merito della Sony che ne celebra i 50 anni di carriera, con una grande raccolta.

L’ultimo progetto, in uscita il 20 novembre e già pianificato da tempo, è “Le canzoni della nostra storia” (Tamata/Sony Music): una raccolta con le più belle canzoni del gruppo, dall’esordio nel 1966 fino allo scioglimento nel 2016. Un cofanetto da 4 cd con 72 brani e 3 LP con 36 brani. Disponibile anche in streaming e download.

La raccolta dei Pooh, non solo uno dei complessi più longevi ma anche quello con numeri di vendita record, superando i 100 milioni di copie di dischi, si apre con l’inedito “Meno male”, il primo provino in assoluto di “Tanta voglia di lei”: una versione totalmente diversa del brano con titolo e testo completamente diverso da quello comparso poi nell’album “Opera Prima” del 1971.

Il brano è stato recuperato grazie a Giancarlo Lucariello, storico produttore e figura chiave del gruppo. Poi nel cofanetto sono presenti i brani più famosi, alcuni in versione live, da “Tanta voglia di lei” a “Piccola Katy”, passando per “Pensiero”, “Noi due nel mondo e nell’anima”, “Dammi solo un minuto”, “Notte a sorpresa”, “Io sono vivo”, “Chi fermerà la musica”, “Uomini soli”, “50 primavere”, “Amici per sempre”, “Mi manchi”.

Alla proposta di pubblicare la raccolta i Pooh hanno risposto così: “Quando la Sony ci ha proposto di pubblicare una raccolta dei nostri più grandi successi abbiamo pensato che per la prima volta avremmo potuto farlo spaziando nelle canzoni della nostra vita; 1966-2016, un arco di tempo durante il quale sono racchiusi i brani che meglio hanno rappresentato 50 anni di carriera, tutti i sogni, le speranze, i progetti, i successi e le delusioni, gli obiettivi raggiunti, la nostra amicizia e soprattutto un filo rosso che ci lega e ci legherà per sempre ai nostri fan”.

Alla realizzazione del progetto ha contribuito in maniera decisiva il batterista D’Orazio.

Il presidente & Ceo di Sony Music Entertainment Italy, Andrea Rosi lo ha ricordato con queste parole: “Ha avuto un ruolo fondamentale nella stesura e nell’ideazione del prodotto.

D’altronde è sempre stata la mente strategica del gruppo. La sua musica e le sue parole rimarranno per sempre. Questo disco è dedicato a lui”.

 

Poi ha aggiunto il direttore Catalogo International & Special Projects di Sony Music Entertainment Italy, Paolo Maioino: “Sento di ricordare Stefano D’Orazio per ciò che è sempre stato uno straordinario professionista ed un uomo sincero e con un gran senso dell’umorismo, sempre pronto a sdrammatizzare ed a risolvere i problemi”.

 

L’ultima testimonianza discografica di Stefano D’Orazio è il testo di “Rinascerò rinascerai”, il singolo di Roby Facchinetti uscito nel periodo della pandemia, a marzo 2020, a sostegno dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

 

Però la ex band italiana non vive solo di ricordi perché Dodi Battaglia è al lavoro su un disco solista di inediti, in uscita nei primi mesi del 2021, di cui un assaggio è dato dal brano “One Sky” (Azzurra Music), in radio e sulle piattaforme digitali, inciso insieme al leggendario chitarrista americano Al Di Meola. Un incrocio di chitarre che mescola il sound pop-rock di Dodi con il mondo jazz fino alle contaminazioni latine di Al Di Meola.

Non solo Battaglia ma anche Riccardo Fogli, rientrato nel gruppo per la reunion, è tornato con una nuova versione di “Mondo”, il suo primo successo da solista del 1976: “Mondo 2020 – Sono un uomo che ha vissuto”, in uscita il 27 novembre, con un ospite d’eccezione: l’amico di sempre Dodi Battaglia alla chitarra elettrica.

Red Canzian è al lavoro per portare in scena Casanova, si tratta di un’opera pop e di uno spettacolo dedicato al veneziano. Roby Facchinetti, invece, ha pubblicato il 25 settembre l’album dal vivo “Inseguendo la mia musica” (Sony Music), da cui è stato estratto nei giorni scorsi “Io e te per altri giorni”.

 

Il 30 dicembre 2016, i Pooh terminavano la loro carriera musicale, nonostante questo sono ancora apprezzati dal pubblico, e soprattutto le loro canzoni continuano a regalare belle emozioni ai fan, di qualsiasi generazione.

 

I Pooh sono davvero un caso esemplare della storia musicale del nostro paese: una band amatissima dal pubblico che ha lasciato un segno, ancora tangibile, nella discografia italiana. Con questa raccolta i fan potranno finalmente celebrare i loro beniamini.

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.