#AscoltaciOvunque con l’ applicazione SMradio

Trent’anni senza Freddie Mercury, mito della musica mondiale

Trent’anni senza Freddie Mercury, mito della musica mondiale

Immagine presa da Amica

Il 24 novembre del 1991 è una data storica da non dimenticare perché trent’anni fa veniva a mancare, Freddie Mercury, una delle icone della musica mondiale.

Il leader dei Queen aveva solo 45 anni quando è scomparso a  Garden Lodge, la sua villa di Londra, dopo aver perso una lunga battaglia contro l’AIDS. Nel 1987 Mercury aveva già riscontrato questa malattia, ma aveva deciso di mantenerla segreta anche ai suoi compagni della band.

Il giorno prima aveva redatto un comunicato in cui spiegava: “Desidero confermare che sono risultato positivo al virus dell’HIV e di aver contratto l’AIDS. […] E’ arrivato il momento che i miei amici e i miei fan in tutto il mondo conoscano la verità e spero che tutti si uniranno a me, ai dottori che mi seguono e a quelli del mondo intero nella lotta contro questa terribile malattia”.

All’epoca Freddie era ancora immerso nella musica perché a un mese dalla sua scomparsa era uscito il singolo “The Show Must Go On”, tratto dall’album “Innuendo”.

Gli altri componenti dei Queen Brian May e Roger Taylor hanno continuato a suonare e a mantenere vivo il ricordo della band e di Freddie mentre John Deacon decise di abbandonare il progetto.

Nasce così il grande show evento i “Freddie Mercury Tribute Concert” che si è tenuto a Wembley nel 1992. Un cast stellare da George Michael a Liza Minnelli, passando per David Bowie ed Elton John. A rappresentare l’Italia c’era anche Zucchero.

I proventi dell’evento furono devoluti in beneficenza per dare vita all’associazione The Mercury Phoenix Trust. Poi nel 1995 uscì l’album postumo “Made In Heaven” con alcuni brani incisi da Freddie Mercury prima di morire ma anche alcuni tratti dal suo album solista “Mr Bad Guy” del 1985 che però fu un flop.

In questa giornata importante per ripercorrere la sua vita e il suo successo, la tv trasmetterà il film “Bohemian Rhapsody”, diretto nel 2018 da Bryan Singer e vincitore di 4 Premi Oscar.

A interpretare il frontman dei Queen c’è Rami Malek, vincitore dell’Academy Award come Miglior Attore: la storia ripercorre la carriera artistica e la vicenda umana di Freddie Mercury, che conosciamo quando era un addetto ai bagagli dell’aeroporto di Heahtrow e che poi conquistò le platee di tutto il mondo.

Immagine di copertina presa da Il giorno

 

 

 

 

 

 

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.