Matteo Frontini

Matteo, detto Teo dagli amici (con molta fantasia). Nasco a Milano 33 anni fa e qui vi rimango per i 33 anni successivi.

Giocando a basket con gli amici sono cresciuto… ma ora come un novello Federer, sfogo gli stress matrimoniali e lavorativi sulla terra rossa ogni sabato.

Laurea breve (non sia mai che si esageri) in Economia Europea, la mia vita viene segnata indelebilmente da 7 anni e mezzo di revisione contabile. Esperienza terminata! Adesso amministro i conti…

Mi affaccio per la seconda volta al mondo dello speakeraggio dopo l’esperienza radiofonica dei dolci anni del far niente: quelli dell’università. Conosco a memoria tutti i testi delle canzoni italiane dal 1955, ma avendo solo recentemente abbandonato la speranza di diventare il nuovo Freddie Mercury, ho deciso di indirizzare la mia passione verso l’intrattenimento. Potrete godervelo tra le note che passeranno nelle vostre casse ogni martedì sera.