You & Me luce e gas partner di SMradio per l’energia

Vasco Rossi: “Colpa d’Alfredo” in edizione speciale per i 40 anni con cortometraggio. E il nuovo singolo…

Vasco Rossi: “Colpa d’Alfredo” in edizione speciale per i 40 anni con cortometraggio.

E il nuovo singolo…

di Chiara Denti

A distanza di quarant’anni Vasco Rossi ritorna con il capolavoro “Colpa d’Alfredo”

Sony Music (Legacy Recordings) celebra il terzo disco di Vascouscito nell’aprile 1980 per l’etichetta Targa, con la speciale edizione da collezione della serie R> PLAY dedicata ai 40esimi anniversari dei suoi album da studio (iniziata a dicembre 2018 con la ripubblicazione del primo album “…ma cosa vuoi che sia una canzone…”, seguita nel settembre 2019 da “Non siamo mica gli Americani!”) e per la quale è stato creato un logo ad hoc.

“Colpa d’Alfredo R>PLAY Edition 40th” uscirà venerdì 27 novembre (disponibile già al seguente link) con l’inedita copertina che riporta la foto come la voleva allora Vasco: sul fronte il suo primo piano con l’occhio nero e il volto tumefatto, truccato come se fosse stato pestato.

Nel disco originale, per un colpo di mano dell’ultimo momento del discografico, la foto (di Mauro Balletti) era stata utilizzata come retro e in copertina uno scatto dello stesso servizio, ma di spalle.

Questo lavoro è particolarmente importante per la carriera di Vasco perchè segna uno spartiacque tra l’inizio della sua carriera e ciò che sarebbe diventato, la sua identità artistica, che è indissolubile dal rock. Anche in questo caso Vasco ci ha dimostrato la sua grandezza, non solo per aver proposto l’iniziativa ma anche per l’entusiasmo mostrato nel realizzarla.

Una riedizione, quella di Colpa d’Alfredo che comprende fra gli altri, il cortometraggio, inedito di animazione di “Anima Fragile”, uno dei brani più amati di Vasco, che non aveva avuto ad oggi un videoclip. Il corto sarà scaricabile tramite un QR-Code contenuto nel cofanetto. Inoltre contiene un Hardcoverbook di 32 pagine con contenuti esclusivi (compresa una lunga intervista di Marco Mangiarotti a Vasco Rossi, che parla anche dell’influenza sull’album delle sue letture, da Lacan a Bakunin, e dell’impatto di eventi come la morte di Pinelli) + CD e un LP.

Il cofanetto presenta diverse canzoni, come la title track, “Colpa d’Alfredo”, “Non l’hai mica capito”, “Susanna”, “Anima Fragile”, “Alibi”, “Sensazioni forti”, “Tropico del cancro”, “Asilo Republic” rimasterizzati partendo dai nastri master analogici.

Così come per i 40 anni di “Jenny è pazza” fu prodotto un video animato della canzone, così ora per Anima Fragile: il corto, di circa 6 minuti “ricrea le suggestioni della canzone nel racconto contemporaneo e metropolitano di un ragazzo e una ragazza che si conoscono e si inseguono attraverso il tempo, con la complicità del destino. Il senso profondo della storia narrata nel video è racchiuso nella frase ‘E la vita continua’, anche senza di noi: avere sempre una nuova occasione, nonostante tutto. E il sogno scorre lungo il filo rosso che unisce le persone, le anime e le vite, in un unico grande abbraccio”, come racconta il regista Arturo Bertusi.

Le scene sono animate da 12,5 fotogrammi al secondo, tutti disegnati a mano, così come i background. I disegni sono di Rosanna Mezzanotte; le animazioni sono di Tommaso Arosio e Matteo Manzini. Il soggetto e la sceneggiatura, scritti a gennaio 2020, sono di Arturo Bertusi e Roberto Lepore, e la produzione si è sviluppata tra aprile e novembre.

Di fronte a questa iniziativa, ci sono state diversi protagonisti che hanno voluto rilasciare un proprio commento personale.

Stefano Patara di Sony Music ha affermato: “Riproporre dischi importanti in versioni speciali è il sogno di ogni discografico, ma spesso non si riescono a mettere insieme i pezzi e a ricomporre le storie. Vasco ci ha dimostrato la sua grandezza con il suo entusiasmo nel partecipare attivamente a questo progetto. La cosa che mi colpisce sempre del documentario ‘Ma cosa vuoi che sia una canzone’ di Sky Arte è la gioia negli occhi di Vasco”.

Arturo Bertusi, art director e regista del cortometraggio: “Come sempre accade tutto questo è possibile grazie a un lavoro di squadra e a tutto il gruppo che lavora da anni con Vasco. Le novità essenzialmente sono tre: l’audio, la copertina, che doveva essere un’altra, ovvero il primo piano di Vasco, scatto di Mauro Balletti; e la terza è il cortometraggio”.

Maurizio Biancani, curatore dell’audio ha sottolineato: “Il suono e i testi stessi sono più crudi, e il disco stesso suona in modo totalmente diverso. Le registrazioni originali ci restituiscono i suoni più sporchi, più diretti, e ho cercato di ritirarli fuori. Il rock deve svegliare l’ascoltatore, colpirlo come un cazzotto in faccia. Spero di aver tirato fuori le sonorità che merita”.

Il cortometraggio è estremamente suggestivo e trasmette tutto il lavoro fatto per poi mettere su carta ed animare quelle che sono le emozioni.

Le immagini completano il senso del brano, emozionando ancora di più. Il filo rosso a cui è legato l’anello nel video, che poi si dirama in tanti fili rossi, sembra per davvero il legame indissolubile che lega le persone che si amano, anche oltre la distanza, oltre la morte.

Con questo singolo emerge la natura più emotiva dell’artista rockettaro perché in fondo anche dentro il genere rock si nasconde un’anima più fragile e delicata.

Vasco ha in ballo anche l’uscita del suo nuovo singolo, già fissata per il primo giorno del nuovo anno.

Ma c’è di più: su Instagram Vasco ha rivelato che la canzone sarà presentata il giorno di Capodanno su Rai 1 con Roberto Bolle all’interno di Danza con me.

Inoltre è stato lanciato uno spoiler sul possibile titolo. Si intitolerà Sei come sei il nuovo singolo di Vasco Rossi, in uscita il prossimo 1° gennaio? Così scrive Il Resto del Carlino, all’interno di un articolo in cui si racconta la presenza di Vasco questo pomeriggio a Bologna, in Piazza Maggiore, per registrare il video del brano. Non è la prima volta che Vasco gira un videoclip a Bologna, ma è la prima che lo fa recitando personalmente. “Parlerà d’amore e di rinascita”. Prima una prova, poi la registrazione all’ombra di San Petronio.

EDIT 7 dicembre: Una canzone d’amore… buttata via (se ci saranno davvero i punti lo capiremo presto) è il titolo del nuovo singolo di Vasco Rossi, che uscirà il prossimo 1° gennaio. Lo ha annunciato lo stesso Vasco venerdì scorso su Instagram. Il brano è anche una delle tre canzoni inedite di Vasco registrate in SIAE e non ancora pubblicate, fin’ora….Viene anche smentito quanto aveva scritto alcuni giorni fa Il Resto del Carlino, ipotizzando che la canzone potesse intitolarsi Sei come sei.

Utilizziamo Cookie propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, secondo le tue preferenze. Se continui con la navigazione, consideriamo che accetti il loro utilizzo.